Composizione

AftaZen è composto da elementi scelti con estrema cura ed il cui dosaggio permette di ottenere un'efficacia ottimale.

AftaZen è composto principalmente da:

Composizione d'AftaZen

Aloe Vera

Aloe vera et aphtes

Questa pianta, comunemente chiamata giglio del deserto, cresce spontaneamente nelle regioni semi-desertiche dal clima caldo e secco. Esistono più di 3000 varietà di Aloe, ma è la varietà Aloe Vera Barbadensis che presenta le maggiori proprietà curative. L'Aloe Vera è conosciuta per le sue virtù in grado di:

  • riequilibrare la flora intestinale, migliorare la digestione delle proteine ed il transito intestinale (Dottor Bland, 1985)
  • svolgere un'azione antinfiammatoria naturale
  • cicatrizzare le lesioni legamentose, muscolari, cutanee
  • agire sulla sindrome da affaticamento cronico
  • accelerare il rinnovamento dei tessuti grazie ai suoi stimolatori biogeni22
  • agire su certe malattie cardio-vascolari23
  • cicatrizzare le afte24
  • trattare la psoriasi25

Aloe vera zen


L'Aloe Vera Barbadensis di AftaZen non proviene dalla Cina e subisce un trattamento particolare che permette di conservarne i principi attivi.

 

 




Vitamina B1

Vitamina B1
Questa vitamina, denominata anche Tiamina, è necessaria per il metabolismo dei grassi e dei glucidi. Previene l'insorgere del beri-beri, regola l'appetito e favorisce la crescita ed il tono muscolare. È essenziale per il normale funzionamento del sistema nervoso, dei muscoli e del cuore. Uno studio clinico inglese26 ha dimostrato che la carenza di vitamina B1 è un potenziale fattore aggravante per l'aftosi cronica.

 

 

Vitamina B6

Vitamina B6
Questa vitamina, denominata anche Piridossina, è essenziale per il metabolismo delle proteine. Facilita la liberazione del glicogeno proveniente dal fegato e dai muscoli ed aiuta a mantenere il giusto equilibrio di sodio e potassio permettendo di regolare i fluidi corporei e favorendo il buon funzionamento del sistema nervoso e muscolare. La vitamina B6 favorisce anche la formazione degli anticorpi, migliora il benessere della pelle e riduce l'intorpidimento della mano, i crampi alle gambe, gli spasmi muscolari e la nausea. Uno studio clinico inglese26 ha dimostrato che la carenza di vitamina B6 è un potenziale fattore aggravante per l'aftosi cronica.


Vitamine PP

Vitamine PP

Questa vitamina è anche chiamata vitamina B3 o niacina. È una vitamina idrosolubile. L'organismo può produrre la niacina dal triptofano, che è un aminoacido. Tuttavia, le persone che presentano una carenza di vitamina B1 e B6 non possono produrre niacina dal triptofano. La vitamina B3 è indispensabile per la sintesi degli ormoni sessuali (estrogeno e testosterone), del cortisone, della tiroxina e dell'insulina. È importante anche per permettere il buon funzionamento del sistema nervoso centrale, aiuta a ridurre il tasso del colesterolo e dei trigliceridi e permette il metabolismo dei lipidi. La niacina svolge un'azione benefica sull'apparato digerente ed allevia i problemi gastro-intestinali. Inoltre, previene l'emicrania e ne riduce l'intensità. La vitamina B3 aumenta la circolazione sanguigna e diminuisce la tensione arteriosa. Sembra, inoltre, in grado di svolgere un ruolo importante nella cura delle afte boccali.

Zinco

Ostriche e Zinco
Lo zinco è un oligoelemento, cioè un elemento presente solo in tracce nell'organismo (2 g circa, di cui il 65% è concentrato nei muscoli e il 20% nelle ossa). Lo zinco svolge un ruolo importante nella crescita, nelle risposte immunitarie, nelle funzioni neurologiche e riproduttive. È necessario per più di un centinaio di processi enzimatici vitali. (alcuni esperti ne riconoscono 300). Partecipa alla sintesi del DNA, dell'RNA e delle proteine, ai processi immunitari e di cicatrizzazione delle ferite, alla riproduzione ed alla crescita. Interviene nel processo di coagulazione sanguigna, nelle funzioni dell'ormone tiroideo e nel metabolismo dell'insulina.

L'organismo ha bisogno di pochissimo zinco, ma quest'apporto è essenziale. Nella società moderna, una leggera carenza è piuttosto frequente. A causa di abitudini alimentari deficitarie, nelle donne, negli adolescenti, nei bambini e nelle persone anziane, l'apporto di zinco è spesso inferiore al fabbisogno minimo giornaliero.

Poiché le migliori fonti di zinco sono gli alimenti di origine animale, i vegetariani dovranno assicurarsi un apporto sufficiente di quest'oligoelemento.

Gli alcolizzati, i diabetici, le persone che soffrono di problemi renali o digestivi (malattia di Crohn, per esempio) corrono maggiormente il rischio di soffrire di una carenza di zinco. Le persone colpite da AIDS hanno spesso carenze di zinco.

La carenza di zinco può comportare una diminuzione delle funzioni immunitarie (infezioni frequenti e ferite che si cicatrizzano male), un ritardo nella crescita, dei problemi di odorato e gusto, perdita di peso, irritabilità, apatia, caduta di capelli, afte.

Per un'assimilazione ottimale dello zinco, AftaZen ne apporta all'organismo la quantità necessaria sotto forma di gluconato di zinco.

Aftazen: afte rimedi scoprite il nostro studio sulle afte
Le afte colpiscono il 20% della popolazione

Consiglio del giorno:

Se hai spesso delle afte o se hai un'afta che dura da più di 4 settimane, consulta un medico